Sessualità e tumore alla mammella

Lo scorso 13 Maggio si è svolto, presso l’Auditorium del Rettorato dell’Università G. D’annunzio di Chieti, il convegno organizzato dalla SIPO Abruzzo-Molise e le associazioni territoriali Lory a Colori e G.A.I.A. Onlus.

Sessualità e tumore alla mammella” il titolo del convegno che, con l’Alto Patrocinio della Regione Abruzzo, della Provincia di Chieti e dalla SIPO Nazionale, ha cercato di fare luce su un tema spesso sottovalutato: la sessualità in ambito oncologico. Grazie alla Dottoressa Anna Di Profio, psiconcologa e coordinatrice della SIPO Abruzzo-Molise, che ha curato l’aspetto scientifico dell’incontro, è stato possibile questo confronto tra professionisti in cui, in cui quello che era considerato quasi un tabù è stato infranto.

Tanti gli interventi che hanno portato a vari spunti di riflessione sulle difficoltà che le pazienti oncologiche riscontrano dopo interventi e terapie, soprattutto quelle per la cura del cancro alla mammella. Un momento di sensibilizzazione anche per gli stessi sanitari, che si sono impegnati a dare più risalto a questo tipo di problematiche, anche attraverso la creazione di questionari per raccogliere dati utili alla Breast Unit riguardo gli effetti collaterali, dal punto vista sessuale, delle terapie oncologiche.

Durante il convegno è stata ribadita l’importanza della preziosa figura dello psiconcologo, ma anche della rete di associazioni di volontari come Lory a Colori e G.A.I.A. Onlus che, nell’ultimo anno, non si sono limitate al loro lavoro di sostegno ai pazienti oncologici e le loro famiglie, ma grazie a una raccolta fondi promossa nel mese di Luglio 2021, sono in procinto di donare al Reparto di Ginecologia dell’Ospedale “G. Bernabeo” di Ortona un’apparecchiatura medicale per la cura dell’atrofia vulvovaginale (uno dei tanti effetti collaterali dovuti alle terapie oncologiche), il laser “Monnalisa Touch”. Come spiega la presidente dell’associazione Lory a Colori, Monica Marinari: “Abbiamo avviato una raccolta fondi per l’acquisto del “Monnalisa Touch” a cui ha aderito con grande gioia anche l’associazione G.A.I.A. Onlus con la sua presidente Patrizia Bonora, da donare al Reparto di Ginecologia dell’Ospedale di Ortona. Un apparecchio necessario per cercare di restituire alle donne colpite dal cancro, la possibilità di tornare a vivere la sessualità e la vita di coppia serenamente. Oltre l’impegno delle nostre associazioni, è doveroso ricordare e ringraziare le tante persone che hanno creduto in questo progetto, rendendo possibile l’acquisto di questa apparecchiatura. Ora siamo solo in attesa dell’autorizzazione da parte della direzione dell’ASL 02 Lanciano-Vasto-Chieti, per procedere con la donazione vera e propria.”

Presenti al convegno per la Regione Abruzzo l‘Assessore alla Sanità, Nicoletta Verì, e per la Provincia di Chieti il Consigliere Marco Filippo Di Giovanni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.